Non esiste un’unica tipologia di video adatta alla tua strategia di content marketing. La perfezione è relativa, così come lo sono i format che puoi adottare. Il messaggio che vuoi comunicare cambia in base al punto del buyer’s journey in cui si trova l’utente nel momento in cui lo riceve.

Immagina un utente che entra per la prima volta in contatto con il sito web della tua azienda. Poi immagina un altro utente che, dopo essersi iscritto alla newsletter, ti intercetta su Facebook. I video che proporrai all’uno e all’altro saranno completamente diversi. Il principio è lo stesso che regola le comunicazioni tra persone: se stai stringendo la mano ad una persona per la prima volta e vuoi fare bella impressione su di lei, cercherai il modo migliore per farti conoscere, senza troppa esuberanza. Dopo mesi di conoscenza reciproca ti potrai permettere di raccontarle quali sono i tuoi valori e il tuo background culturale.

 

Sviluppa una video marketing strategy efficace in ogni fase del buyer’s journey! Come?
Clicca qui e scarica la nostra guida gratuita per scoprirlo!

 

Anche la promozione online funziona per step, quindi i video che si inseriscono all’interno di una strategia di content marketing dovranno seguire lo stesso meccanismo. Unico comune denominatore e filo conduttore sarà la buyer persona, che stai guidando nel percorso che la porterà prima a conoscere e poi ad amare il tuo brand.

Attraverso i video si può informare, istruire, divertire ed emozionare. Andiamo a vedere quali sono i format che puoi utilizzare in base agli obiettivi che ti sei prefissato.

Video di storytelling per catturare l’attenzione ed emozionare

Lo storytelling è l’arte di raccontare una storia in cui il brand non è protagonista, ma riesce a raccontarsi mostrandosi in trasparenza. Emerge, ma senza palesarsi in modo marcato. Un contenuto di questo tipo deve essere ad alto carico emozionale: un utente che resta a bocca aperta è un utente conquistato, incuriosito, stimolato. L’obiettivo di un video di storytelling sarà quello di aumentare la brand awareness e dare spessore alla brand image.

 

Video che informano e spiegano, per costruire un rapporto di fiducia

Quando un utente approda per la prima volta sul tuo sito web, sul tuo profilo Facebook o sul tuo curatissimo canale Youtube, non sa chi sei. Non sa nemmeno se si può fidare di te, e se quello che fai è interessante per lui. Sta a te fargli capire che si può fidare. Come fare questo? Dimostrando che hai delle competenze, e che sei pronto ad aiutarlo a risolvere un problema o a soddisfare un’esigenza che sei stato in grado di cogliere. In questi casi non c’è niente di più efficace di un video tutorial o di una dimostrazione pratica in cui spieghi qualcosa.

 

 

Teaser promozionali per stimolare l’acquisto

Se stiamo pensando ad un teaser vuol dire che l’utente a cui ci rivolgiamo è già arrivato in fondo al funnel di vendita. Se negli altri step bisognava evitare di mettere azienda e prodotti in primo piano, in questo momento ci possiamo permettere di adottare un tono promozionale. Possiamo presentare uno dei nostri prodotti o servizi. Come fare? Che format utilizzare? Inutile dire che qui un teaser calza a pennello: un video breve, accattivante, ad impatto. Sarà un’anticipazione del prodotto o servizio che stai lanciando, perciò deve creare aspettativa e curiosità. Un po’ come i trailer dei film!

 

 

Video di customer care, per tenere stretto il contatto prima e dopo la vendita

I video possono essere un ottimo strumento di customer care, sia pre sia post vendita. Qui siamo in una fase in cui l’utente si è già convinto del fatto che quello che noi offriamo ha un valore e un’utilità per lui, perciò possiamo spiegare il modo in cui funziona un prodotto o un servizio (prima della vendita), come fare manutenzione, e, infine, come si ripara (dopo la vendita). Questa tipologia di video serve per mantenere e consolidare il rapporto di fiducia con il cliente, che si è creato lungo il buyer’s journey.

 

 

Video con testimonianze dei clienti, per circondarsi di brand ambassador

Siamo alla fine del buyer’s journey. Il nostro utente ha scelto il nostro prodotto o servizio e adesso il nostro compito è quello di farlo affezionare al brand, deliziandolo con dei contenuti sfiziosi. Assolvono perfettamente a questa funzione i video in cui la community diventa protagonista, come possiamo vedere in questo video pubblicato sul canale YouTube di Lufthansa.